RFID: logistica & anticontraffazione on cloud

 

Rfid Platform

I PROCESSI LOGISTICI “ON CLOUD”

La piattaforma proposta intende fornire una soluzione globale alle istanze poste da questo scenario di riferimento e rappresenta un significativo salto di qualità nella flessibilità e nell’accuratezza di gestione delle catene estese, quindi con due caratteristiche principali:

  • la (rin)tracciabilità ininterrotta dei prodotti che scorrono lungo la filiera estesa ottenuta matricolando i colli di movimentazione, dal pallet al singolo articolo, con la gestione di tutte le funzioni di movimentazione sia all’interno che all’esterno del magazzino.
  • l’adattabilità IT, “predisposta” ai massimi livelli, ci ha consentito di realizzare una soluzione tecnico-applicativa in grado di adeguarsi facilmente, con costi molto contenuti, alle pur variabilissime condizioni operative e tecnologiche dell’ambiente PMI, senza richiedere modifiche sostanziali.

Le novità principali della proposta vanno ricercate nella combinazione di due aspetti:

1. l’innovazione di processo, con la presenza di etichette RFID sui prodotti con una serie di antenne ricetrasmittenti posizionate sul perimetro del “controllo”, in grado di rilevare la movimentazione, l’identificazione e la posizione di qualsiasi prodotto all’interno del magazzino stesso.
2. l’innovazione di prodotto, con l’uso di una infrastruttura tecnologica adattativa, basata sul Web e integrata con i più diffusi dispositivi Mobile (smartphone, tablet, etc.), ci ha permesso di proporre un prodotto in grado di soddisfare le esigenze di diverse tipologie di Extended Supply Chain.

Alcuni scenari di processo in cui RFID apporta sensibili migliorie:

✦ Identificazione: la merce in arrivo non dovrà più essere controllata pezzo per pezzo. Per mezzo di un lettore RFID o di un Gate RFID, basterà attivare la funzione di lettura a distanza per avere immediatamente il dettaglio della consegna e poterla confrontare con quanto atteso.

✦ Stoccaggio: non sarà più necessario decidere in anticipo dove posizionare la merce. Le antenne presenti nel magazzino individuano in ogni momento dove è stato posizionato il collo.

✦ Picking: al ritiro della merce per la spedizione, non è necessario effettuare conferme manuali (com’è ora con i barcode). Viene quindi evitato ogni possibile errore dell’operatore.

✦ Inventario: non è più necessario il conteggio manuale. Il magazzino in automatico riconosce la presenza dei prodotti e la loro giacenza.

✦ Spedizione: recuperata la merce da spedire, la piattaforma RFID sarà in grado, ad esempio, di creare la relativa bolla in tempo reale, leggendo via RFID i prodotti presenti nell’imballo chiuso.

IL PROCESSO DI  ANTICONTRAFFAZIONE “ON CLOUD”

La protezione (elettronica) del marchio passa per l’RFID: il codifice identificativo alfanumerico del tag RFID, unico al mondo e non modificabile perché settato dal produttore di chip, garantisce così l’univoca originalità del bene, tutelando non solo il brand (la contraffazione di capi ed accessori di abbigliamento griffati reca al Made in Italy danni per quasi 12 miliardi €/anno!), ma anche lo stesso consumer, come forma di rispetto per le sue scelte.

Design & Furniture, Fashion, Food sono i settori dell’italian sounding più sensibili a questa protezione, che si estende anche al controllo dei canali distributivi del prodotto, prevenendo il fenomeno del mercato grigio; ma l’anti-contraffazione con RFID opera in qualunque oggetto da proteggere, come ad esempio i pass disabile, che grazie al chip non può essere né clonato né modificato.

RFID o Radio Frequency IDentification (Identificazione a radio frequenza) è un sistema a onde radio che permette l’identificazione automatica di cose o persone. L’RFID è una tecnologia finalizzata all’identificazione automatica di oggetti attraverso l’utilizzo di segnali radio, senza la necessità di lettura individuale per ogni articolo. Ciascun sistema RFID comprende un lettore, la relativa antenna e i transponder (tag, schede RFID) che contengono i dati. Il lettore trasmette un segnale radio a bassa potenza tramite l’antenna. Il segnale viene ricevuto dal tag attraverso la relativa antenna e utilizzato per alimentare un circuito integrato (chip).